Cosa sono i Cookie, come eliminarli e perché accettarli

Le domande che ci si pone più spesso riguardo i cookie sono principalmente queste: Cosa sono i cookie? Come eliminare i cookie? Cosa significa accettare i cookie? In questo articolo, troverai la risposta a queste e a tante altre domande inerenti a questo strumento informatico, che fa più paura di quanto in realtà dovrebbe.

Tramite il menù qui sotto, potrai accedere rapidamente alle informazioni di tuo interesse divise in paragrafi:

Cosa sono i cookie


Partiamo prima di tutto dalla definizione, ovvero cos’è un cookie e cosa fa. Un cookie (tradotto dall’inglese “biscotto”) è una piccola porzione di testo (più precisamente un file di testo) che viene salvata in modo automatico dal tuo browser sul tuo computer mentre navighi su un sito.

Questo file viene generato dal server del sito che stai visitando e viene inviato al tuo browser Internet, che lo salverà sul tuo disco rigido (perché il server non ha accesso diretto al tuo computer, quindi dovrà servirsi del browser).

Cosa servono i cookie


I cookie permettono al sito di riconoscerti e di memorizzare informazioni specifiche su di te, come i tuoi dati di accesso o le tue preferenze di lingua, in modo che tu non debba registrarti nuovamente ogni volta che visiti il sito. Per farvi capire ancora meglio, farò un esempio pratico:

  • Navigo su un sito di scarpe, scelgo un bel paio di scarpe e decido di acquistarle.
  • Aggiungo quindi questo articolo al mio carrello.
  • Per un qualsiasi motivo, (mancanza di tempo o altro) non porto a termine il mio ordine.
  • Peccato per il mio ordine, spengo il computer e vado via.
  • A distanza di alcuni giorni, riaccendo il computer, torno sul sito di scarpe che avevo visitato qualche giorno prima e nel mio carrello vedrò che contiene ancora le mie scarpe, nonostante io non abbia salvato nulla.
  • Questa è la magia dei cookie!

Quando ho aggiunto le scarpe al mio carrello, in pratica il server che ospita il sito di scarpe ha inviato un file (il cookie) al mio computer, questo file conteneva il mio ordine e il mio browser ha salvato questo file sul mio disco rigido.

Essendo questo file sul mio disco rigido, anche spegnendo il mio computer, tutte le informazioni saranno ancora lì. Quando mi sono ricollegato al sito, il browser ha inviato il file al server. Il server ha letto il mio file e riconoscendomi ha aggiunto gli articoli al carrello. La pagina web visualizzata in questo modo conteneva le informazioni del mio carrello.

cosa servono i cookie

Voi direte fantastico, si ma c’è un risvolto della medaglia, in quanto l’eccessivo utilizzo di queste informazioni, sono fonte di preoccupazione per molti utenti, soprattutto negli ultimi anni in cui l’attenzione si è focalizzata su questo argomento. Molte persone sono venute a conoscenza dell’esistenza dei cookie, solo dopo l’obbligo per tutti i siti di esporre un pop-up (riquadro a comparsa) che, all’accesso di ogni sito, richiede di “Accettare i cookie“.

In moltissimi casi, i cookie sono essenziali per il corretto funzionamento del sito. Ad esempio, un cookie di autenticazione consente al sito di sapere se hai effettuato l’accesso o meno al sito e, in tal caso, con quale account, il che consente di determinare a quali parti del sito hai accesso.

Essendo fondamentalmente nient’altro che un file di testo, il cookie può essenzialmente contenere tutto ciò che si desidera inserire ed essere utilizzato per molti scopi.

In origine, i cookie sono stati sviluppati come un servizio per fornire ai siti web un modo per memorizzare alcune preferenze dei suoi visitatori, con l’obiettivo di semplificare l’interazione sito-utente e migliorare l’esperienza dell’utente rendendola più intuitiva. Tuttavia, il potente potenziale di personalizzazione dei cookie è un’arma a doppio taglio.

Da un lato, i cookie facilitano notevolmente la tua vita su Internet, personalizzano la tua esperienza di navigazione consentendo ai tuoi siti web preferiti di riconoscerti e darti il ​​benvenuto quando torni, proprio come il gestore di un ristorante ricorda le tue preferenze nel corso delle tue visite.

Grazie ai cookie, il sito web ti viene presentato in un modo specifico per te come utente per fornirti suggerimenti su misura per i tuoi interessi e bisogni. Allo stesso modo, i cookie ti consentono di risparmiare molto tempo e fatica salvando i tuoi dati in modo da non dover reinserire tutte le tue informazioni ogni volta che accedi.

Molti si chiedono cosa significa accettare i cookie? Accettare i cookie non vuol dire altro che dare il consenso al loro uso da parte del sito che ne fa richiesta o di terze parti.

Da quali dati è composto un cookie


Un cookie contiene al suo interno i seguenti dati:

  • Un numero univoco generato in modo casuale che viene utilizzato per riconoscere il tuo computer. Ciò torna utile per applicazioni web come negozi online e banking online: il sito ti “ricorda” di conseguenza, in modo che, ad esempio, gli articoli precedentemente selezionati non scompaiano dal tuo carrello acquisti ogni volta che richiami una nuova pagina.
  • Il nome di dominio, ovvero il sito web a cui si riferisce il cookie. Una visita a un sito Web può anche generare diversi cookie se, ad esempio, i file di immagine sono ospitati su un altro server.
  • Impostazioni dell’utente come lingua e preferenze speciali . L’operatore del sito web non vuole obbligare l’utente ad adattare il sito web in base alle proprie esigenze ogni volta che lo visita. Pertanto, queste impostazioni vengono memorizzate dai cookie di Internet.
  • Tempo trascorso sul sito web o su singole sottopagine. Questi dati vengono prontamente raccolti a fini di valutazione statistica.
  • I dati inseriti dall’utente tramite moduli Web , come indirizzo e-mail, nome o numero di telefono . Ciò include anche i termini di ricerca immessi nei campi di ricerca.
  • Le sottopagine visitate come le pagine dei prodotti nei negozi online. Questi dati sono di grande importanza per il marketing online.
  • Metadati come la data di scadenza , il percorso e le specifiche di sicurezza di un cookie. Mentre alcuni cookie vengono eliminati dopo aver lasciato il sito Web (cosa particolarmente comune nell’online banking), altri cookie di Internet rimangono attivi per anni.

Le diverse categorie di cookie


I cookie possono essere classificati in diverse categorie:

  • Cookie strettamente necessari
  • Cookie di prestazione
  • Cookie di funzionalità
  • Cookie di marketing mirato
  • Altri cookie / Cookie sconosciuti

Sebbene le prime tre categorie siano necessarie o servano per ottimizzare la tua esperienza utente, lo scopo delle ultime due è potenzialmente più discutibile.

La stragrande maggioranza dei cookie installati sul tuo computer durante la navigazione, appartengono a terze parti e vengono utilizzati per identificarti come consumatore, il che consente quindi di impostare su di te un marketing più preciso e mirato durante la tua futura navigazione sul web, proponendoti sui siti che visiti banner pubblicitari a te mirati.

Quanto dura un cookie


Ogni cookie ha un nome e una data di scadenza. Quando un sito web invia un cookie, chiede al tuo browser di conservare quel cookie fino a una certa data e ora, come scritto nel file di testo.

La legge richiede che i cookie vengano cancellati a intervalli regolari. In Italia, a secondo del tipo di cookie, questi possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi, dopodiché il consenso ai cookie deve essere rinnovato. Alcuni cookie possono essere conservati per molto tempo, come in Google Adwords, ad esempio, dove un cookie può durare fino a 540 giorni.

Quali sono i diversi tipi di cookie


I cookie possono essere classificati in uno dei seguenti tipi in base alla loro durata e alla loro origine:

  • Cookie di sessione: come suggerisce il nome, i cookie di sessione sono temporanei e scadono non appena esci dal sito. Questo tipo di cookie viene utilizzato principalmente dai negozi online che ricordano gli articoli che hai inserito nel carrello durante la stessa sessione di acquisto.
  • Cookie persistenti: a differenza dei cookie di sessione, i cookie persistenti possono rimanere sull’unità per un periodo di tempo al termine della sessione. Sebbene la legge richieda che questi cookie vengano eliminati dopo un certo periodo di tempo, alcuni cookie potrebbero rimanere sul tuo disco per sempre. Questi cookie possono conservare dati come le informazioni di accesso, i dettagli di contatto e i numeri di account in modo che non sia necessario reinserirli ogni volta che si utilizza un sito.
  • Cookie interni: questi cookie sono creati dal sito a cui hai effettuato l’accesso. Sono generalmente utilizzati per consentire al sito di ricordare i tuoi dati e le tue preferenze.
  • Cookie di terze parti: sono creati da un sito diverso da quello in cui si è entrati. Ad esempio, il sito di Scarpe da noi visualizzato, potrebbe avere un pulsante “Mi piace” di Facebook sulle sue pagine per far aumentare i follower. Questo pulsante “Mi piace” attiverebbe un cookie che può essere letto da Facebook. Lo scopo dei cookie di terze parti è spesso quello di raccogliere determinate informazioni destinate a conoscere il tuo comportamento e i dati demografici per scopi di marketing mirati, ecc.

Targhettizzazione: il lato oscuro dei cookie


I cookie raccolgono informazioni su di te e sulla tua attività online in un modo che può apparire disonesto e non molto trasparente. Grazie ai cookie il sito può seguire le tue azioni di navigazione: quali articoli ti prendi il tempo di leggere e quali preferisci ignorare o semplicemente saltare, cosa ti fa fare clic e condividere.

I dati degli utenti stanno rapidamente diventando una risorsa sempre più preziosa e i metodi per raccoglierli stanno diventando sempre più sofisticati. Più le aziende conoscono i loro utenti, meglio possono indirizzarli al fine di vendere loro prodotti e massimizzare i profitti.

Combinando i dati degli utenti, come età, sesso e posizione, con il monitoraggio della tua attività digitale, i motori di ricerca e i siti web possono identificare e segmentare gli utenti con maggiore precisione. Questa segmentazione degli utenti in modo molto accurato, influenza ogni aspetto della tua esperienza di navigazione, dagli annunci pubblicitari mostrati ai risultati di ricerca.

Come eliminare i Cookie dal proprio computer


Se temi per la tua privacy e vuoi cancellare i cookie dal tuo computer, qualsiasi sia il tuo browser (Google Chrome, Mozilla Firefox, Microsoft Edge o Explorer e Opera), troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno nel mio articolo in cui indico come svuotare la cache del browser.

Nell’articolo che ti ho indicato, puoi svuotare tutta la cache o scegliere di eliminare solamente i cookie, selezionando solo la spunta accanto alla voce “Cookie e altri dati dei siti“. Troverai comunque maggiori informazioni nell’articolo che ti ho appena linkato.

come svuotare cache google chrome

Per eliminare i cookie da uno smartphone Android su Google Chrome è sufficiente cliccare in alto a destra sui tre puntini verticali, cliccare su “Impostazioni” e successivamente su “Privacy e sicurezza“.

Nella schermata che appare, cliccare su “Cancella dati di navigazione“, selezionare la scheda in alto “Avanzate” e spuntare la sola voce “Cookie e dati dei siti“, facendo attenzione a selezionare in alto come intervallo di tempo “Dall’inizio“. Per completare l’operazione è sufficiente cliccare in basso su “Cancella dati“.

Accettare cookie cosa significa? cosa comporta? è pericoloso?

Secondo la normativa europea che regolamenta internet, ogni volta che visitiamo un sito web per la prima volta, questo sito deve avvisarci che potrebbe conservare traccia della vostra visita, utilizzando lo strumento informatico sopra descritto, chiamato “cookie“, grazie al quale viene memorizzato l’indirizzo internet del pc con cui vi siete collegati e tanti altri dati..

Accettare i cookie di un sito è una cosa normalissima, anche prima della normativa questo avveniva ma in automatico, senza avvisarvi e senza chiedervi il consenso. Come avete potuto vedere sopra, i cookie sono molto utili in una miriade di casi, soprattutto quando si fanno acquisti online, inoltre vi fanno risparmiare un sacco di tempo ad esempio senza effettuare il login su un sito come Facebook o la posta elettronica di Google (Gmail) o altri servizi.

Quando si sente parlare di cookie dannosi o pericolosi, ci si riferisce all’uso fatto da parte del sito che li acquisisce, in quanto potrebbero essere usati alcuni dati per violare la vostra privacy o prendere informazioni sensibili, ma questa è un’eventualità estremamente remota. In qualsiasi caso, finché navigate su siti web affidabili e famosi, potete stare tranquilli

Quando non si accettano i cookie cosa succede? Sarete costretti ogni volta a reinserire le informazioni richieste su un sito, non solo login e password, ma anche preferenze e altri dati.

In qualsiasi caso, se siete molto attenti al discorso privacy, vi conviene ogni volta cancellare il cookie, o se possibile configurare il browser in modo che i cookie vengano cancellati ogni volta che chiudete il browser. Un’accortezza ancora più rapida, potrebbe essere quella di navigare in incognito. Per farlo su Chrome basta cliccare i 3 puntini in altro a destra e successivamente cliccare su “Nuova finestra di navigazione in incognito“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *